Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope

Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope❮Download❯ ➿ Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope ➺ Author Davide Enia – Heartforum.co.uk A moving firsthand account of migrant landings on the island of Lampedusa that gives voice to refugees, locals, and volunteers while also exploring a deeply personal father son relationship On the isl A moving a Shipwreck: MOBI î firsthand account of migrant landings on the island of Lampedusa that gives voice to refugees, locals, and volunteers while also exploring a deeply personal father son relationship On the island of Lampedusa, the southernmost part Notes on Epub / of Italy, between Africa and Europe, Davide Enia looks in the faces of those who arrive and those who wait, and tells the story of an individual and collective shipwreck On one side, a multitude in motion, crossing on a Shipwreck: PDF Ì entire nations and then the Mediterranean Sea under conditions beyond any imagination On the other, a handful of men and women on the border of an era and a continent, trying to welcome the newcomers In the middle is the author himself, telling of what actually happens at sea and on land, and the failure of words in the attempt to understand the present paradoxesEnia reveals the emotional consequences of this touching and disconcerting reality, especially in his relationship with his father, a recently retired doctor who agrees to travel with him to Lampedusa Witnessing together the public pain of those who land and those who save them from death, alongside the private pain of his uncle s illness, pushes them to reinvent their relationship, to forge a new and unprecedented dialogue that replaces the silences of the past.

Is a a Shipwreck: MOBI î well known author, some of his books are a fascination for readers like in the Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope book, this is one of the most wanted Davide Notes on Epub / Enia author readers around the world.

Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and
    Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and is the author himself, telling of what actually happens at sea and on land, and the failure of words in the attempt to understand the present paradoxesEnia reveals the emotional consequences of this touching and disconcerting reality, especially in his relationship with his father, a recently retired doctor who agrees to travel with him to Lampedusa Witnessing together the public pain of those who land and those who save them from death, alongside the private pain of his uncle s illness, pushes them to reinvent their relationship, to forge a new and unprecedented dialogue that replaces the silences of the past."/>
  • Paperback
  • 256 pages
  • Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope
  • Davide Enia
  • 02 July 2019
  • 1590519086

10 thoughts on “Notes on a Shipwreck: A Story of Refugees, Borders, and Hope

  1. Grazia says:

    AbissiSabato sera, al teatro al parco di Parma, Enia ha messo in scena lo spettacolo L Abisso, liberamente tratto da Appunti per un naufragio.Non conoscevo l autore, non conoscevo il romanzo Ma come, io che leggo la qualunque a questo testo come possibile non sia arrivata Mi innervosisco con me stessa Per fortuna esistono le amiche del cuore, che fanno splendidi regali di Natale posticipati.E cos , grazie a Chiara, dopo una settimana di lavoro folle non stop, mi reco a teatro, sperando di AbissiSabato sera, al teatro al parco di Parma, Enia ha messo in scena lo spettacolo L Abisso, liberamente tratto da Appunti per un naufragio.Non conoscevo l autore, non conoscevo il romanzo Ma come, io che leggo la qualunque a questo testo come possibile non sia arrivata Mi innervosisco con me stessa Per fortuna esistono le amiche del cuore, che fanno splendidi regali di Natale posticipati.E cos , grazie a Chiara, dopo una settimana di lavoro folle non stop, mi reco a teatro, sperando di non assopirmi.Mi trovo davanti alla rappresentazione della tragedia del momento.Enia parla con commozione priva di retorica, di questi poveri cristi, che attraversano il deserto e, se sopravvivono, il Mediterraneo con l obiettivo di arrivare in Europa Pur sapendo quanto li attende, incapaci di resistere nella terra che ha dato loro i natalila storia della migrazione saranno loro stessi a raccontarla, coloro che sono partiti e, pagando un prezzo inimmaginabile, sono approdati in questi lidi Ci vorranno anni solo una questione di tempo, ma saranno loro a spiegarci gli itinerari e i desideri, a dirci i nomi delle persone trucidate nel deserto dai trafficanti d uomini e la quantit di stupri che pu subire una ragazza in ventiquattro ore Saranno loro a spiegarci l esatto prezzo di una vita in quelle latitudini del mondo Narreranno a noi, e a loro stessi, del carcere in Libia e delle botte prese a ogni ora del giorno e della notte, della visione improvvisa del mare dopo giorni di marcia forzata e del silenzio che si impone quando s alza lo scirocco e si in cinquecento su un peschereccio di venti metri che sta imbarcando acqua da ore Saranno loro a usare le parole esatte per descrivere cosa significa approdare sulla terraferma, dopo essere scappati dalla guerra e dalla miseria, inseguendo il sogno di una vita migliore E saranno loro a spiegarci cosa diventata l Europa e a mostrarci, come uno specchio, chi siamo diventati noi.Enia raccoglie la testimonianza di chi li accoglie, di chi li strappa dalla morte, di chi ne seppellisce i corpi privi di vita, in quella terra che un bottone che unisce due continenti, Europa ed Africa, LampedusaMa come si fa a lasciare morire una creatura accuss nica Ma noi, che mandiamo persone sulla Luna, ma dobbiamo davvero lasciare morire accuss le persone Non possiamo fare nulla per andare a prenderli e portarli qua Sono o non sono esseri umani Per quanto deve durare ancora questa vergogna Come si pu lasciare morire in mare una cosuzza accuss nica.Peccato pensare che il libro di Enia gi caduto di attualit , almeno prima cercavamo di salvarli E ora I posteri cosa diranno dei popoli che hanno assistito a questo esodo di massa, a queste morti senza intervenire Una ragazza fenicia scappa dalla citt di Tiro, attraversando il deserto fino al suo termine, fino a quando i piedi non riescono pi ad andare avanti perch di fronte c il mare Allora incontra un toro bianco, che si piega e la accoglie sul dorso, facendosi barca e solcando il mare, fino a farla approdare a Creta La ragazza si chiama Europa Questa la nostra origine Siamo figli di una traversata in barca.

  2. Trish says:

    It is difficult to know where to start when talking about the northern migration of Africans, South Asians, and Middle Easterners to Europe By now many of us have formed opinions based on the nature and number of migrants to Europe in the past several years Davide Enia reawakens our sense of wonder at the existential nature, the true terror and dangerousness inherent in the refugee journey by sea And in the process, he reawakens our compassion.The book is a multi year set of interviews with s It is difficult to know where to start when talking about the northern migration of Africans, South Asians, and Middle Easterners to Europe By now many of us have formed opinions based on the nature and number of migrants to Europe in the past several years Davide Enia reawakens our sense of wonder at the existential nature, the true terror and dangerousness inherent in the refugee journey by sea And in the process, he reawakens our compassion.The book is a multi year set of interviews with survivors of the mass landings of migrants on Lampedusa, an island of about eight square miles nearly midway between Italy and the coast of Africa Approximately seventy miles from Tunisia, Lampedusa is closer than Sicily 127 miles from the African coast and Malta 109 miles distant In the days following the Arab Spring, flotillas of migrants arrived daily, thousands of people, thousandsthan there were islanders on Lampedusa It was overwhelming Fear and curiosity coexisted with mistrust and pity The shutters remained fastened tight, or else they d open to hand out sweaters and shoes, electric adapters to charge cell phones, glasses of water, a chair to sit on, and a seat at the table to break bread together These were flesh and blood people, not statistics you read about in the newspapers or numbers shouted out over the television This book is written by a man trying to work out his own complicated view of the migrants, from the point of view of the shell shocked rescuers This attempt to understand what is at stake is braided together with Enia s relationship with his Sicilian father and dying uncle Gradually he unveils the thoughts of those who have spent years witnessing the movement of migrants some of whom are picked up moments before their already swamped craft sinks irretrievably.The migrants are all ages and agonizingly aspirational In photographs of the debris found in the refugee boats were items thought indispensable skin creams, jars of preserved vegetables and fruit, insect repellent, chapstick, toothpaste, a can of Coca Cola, cooking pots, lids, padlocks, keys, beach wraps, wallets, rings the list of items took my breath away, coming as it does after learning of an invisible shipwreck in 2009 Refugees from one boat rescued in open seas remained standing on the dock on Lampedusa, staring at the horizon A sister boat which had set sail with them the same day, holding four hundred people, never arrived.Sometimes migrants return to Lampedusa, which they call their birthplace, their second birthday the day they arrived, alive, from the sea One young man gives some idea of the difficulty of the crossing Their rubber dinghy ran out of gas almost immediately When the salt water drenched them again and again, their skin burned and their heads felt as though they would explode The sun shone cruelly They floated for eighteen days, out of all provisions, reduced to drinking urine A Maltese patrol boat appeared and tossed them gas, water, food, then sped off The patrol watched from a distance as the dinghy moved into Italian waters It was threedays until an Italian Coat Guard vessel picked them up Of the eighty who had left Libya, seventy five of them had died.Enia doesn t begin with the tragedy in October 2013 that brought Lampedusa so vividly to everyone s attention around the world, the day a boat sank within sight of the shore, the day the seas filled with bodies But he works up to that moment, sharing with us the experiences of those who have witnessed years of landings so that the full scope and horror of the event can be understood, looked at, and borne.The other day I saw a video clip of a landowner on the U.S border with Mexico saying he s a big Trump supporter, strong on national defense, and the biggest conservative around But, and I m paraphrasing him now, I think they re wrong on this border wall These folks aren t criminals or terrorists It sounds like this man has seen a few things At some point we all need to imagine how we will act when faced with naked need and hardship beyond comprehension.On Lampedusa, a warehouse was refurbished with a shower to give those who escaped under the fence of the overcrowded refugee holding facility a chance to get cleaned up Little by little, even some of those who regularly inveighed against these immigrant kids started leaving bags in front of the warehouse with donations of shampoo, soap, shoes, and trousers They re seeing people on the street who were malnourished, barefoot, raggedy, and so they did their best to help them with their primary needs This is a necessary book, beautifully and thoughtfully written, so that all our conscious and unconscious prejudices can bubble up and float free And we can be the people we hope to meet, were we in need

  3. Patryx says:

    Lampedusa, da lepas , lo scoglio che scortica, eroso dalla furia degli elementi, che resiste e conferma una presenza, anche solitaria, nella smisurata vastit del mare aperto Oppure, Lampedusa da lampas , la fiaccola che risplende nel buio, luce che sconfigge lo scuroVeduta aerea di Lampedusa Appunti la giusta definizione per questo scritto, breve ma molto intenso e ricco di risonanze emotive, in cui la successione degli eventi narrati non lineare ma procede come un onda, avanti e Lampedusa, da lepas , lo scoglio che scortica, eroso dalla furia degli elementi, che resiste e conferma una presenza, anche solitaria, nella smisurata vastit del mare aperto Oppure, Lampedusa da lampas , la fiaccola che risplende nel buio, luce che sconfigge lo scuroVeduta aerea di Lampedusa Appunti la giusta definizione per questo scritto, breve ma molto intenso e ricco di risonanze emotive, in cui la successione degli eventi narrati non lineare ma procede come un onda, avanti e indietro, seguendo il flusso di coscienza del narratore che si fa trasportare dalle emozioni suscitate dai racconti ascoltati e dal riverbero che essi suscitano tra i suoi ricordi Ho scritto narratore e non scrittore di proposito poich Davide Enia raccoglie le molte voci di Lampedusa i volontari, la guardia costiera, i pescatori, i sommozzatori, gli abitanti, i migranti , le monta seguendo un suo personale ordine in cui gli eventi di cronaca si mischiano con i racconti dei protagonisti e i ricordi della sua vita per dare un senso a quello che accade su quello scoglio in mezzo al mare, punta estrema dell Europa che per si innesta sulla placca del continente africano A fare da elemento centrale della rete di significati che si va costruendo la tragedia del 3 ottobre 2013, quando il naufragio di un peschereccio libico che provoca 368 morti porta alla ribalta dell Europa lil dramma che da pi di dieci anni si consuma lungo le coste dell isola Non c buonismo n sentimentalismo n altri ismi nel montaggio che ci viene proposto certamente la personale visione dell autore influenza la scelta delle testimonianze e l ordine in cui sono proposte ma non si vuole far leva sulla facile emotivit che la morte di donne e bambini inevitabilmente suscita Non tutti coloro che offrono la loro testimonianza pensano che l Italia e Lampedusa in primo luogo debba essere terra di immigrazione dal sud del mondo, ma tutti ribadiscono che in mare l aiuto non si nega a nessuno la comune condizione di esseri umani il principale motore dell assistenza e del supporto ognuno secondo le proprie modalit che i residenti di Lampedusa offrono a chi arriva dopo aver attraversato l inferno, anche perch in tutti loro c la consapevolezza che i migranti non hanno finito di penare Attenzione, non vorrei portarvi fuori strada se deciderete di leggere questo libro, non vi ritroverete tra le mani un reportage giornalistico ma un racconto pieno di umanit in cui lo stesso autore si mette a nudo parlandoci di s e delle sue perdite non ci sono certezze n decaloghi del buon samaritano, solo luci e ombre che nella calura di una terra che non offre molti ripari cos come nel terribile freddo del mare aperto richiedono di porsi sempre in una condizione di dubbio per evitare quei clich che possono deformare il racconto che il nostro interlocutore chiunque esso sia ha deciso di donarciQuando la terra finisce, si sale su una barca Parto quindi dalle origini, ch una la fonte da cui sgorga l acqua che ci abbevera In fondo, sempre la stessa storia che si ripete Una ragazza fenicia scappa dalla citt di Tiro, attraversando il deserto fino al suo termine, fino a quando i piedi non riescono pi ad andare avanti perch di fronte c il mare Allora incontra un toro bianco, che si piega e la accoglie sul dorso, facendosi barca e solcando il mare, fino a farla approdare a Creta La ragazza si chiama Europa Questa la nostra origine Siamo figli di una traversata in barcaA Lampedusa esiste dal 2009 uno spazio dove il collettivo Askavusa raccoglie e conserva, con un esposizione permanente, centinaia di oggetti rinvenuti nel cimitero delle barche, nella discarica, sulle spiagge e sui barconi usati dai migranti scarpe, scritti, pacchetti di sigarette, biberon, salvagenti Tutto diventa memoria e testimonianza di un esodo e di storie di vite e di persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo con mezzi di fortunaAndrea Ferrari

  4. flaminia says:

    davidu poteva stupirci con effettacci speciali, giocando di retorica e di buonismo d accatto e invece preferisce mischiare la Storia con le storie, ascoltare e trovare le parole che non ha mai detto il risultato sono questi appunti asciutti, dolenti e bellissimi.

  5. Gattalucy says:

    Come parlare di migranti parlando di persone, dando loro la dignit che spetta ad ogni essere umano.gente che non prende un taxi per arrivare in Europa Davide Enia ce la fa, senza mai scadere nella retorica o nella melassa racconta cosa ha visto chi li ha salvati, o ha dovuto accettare di raccogliere cadaveri Di donne Di bambini Che li ha sepolti senza sapere il loro nome Una mattanza senza fine Che fai quando sei in acqua e puoi salvarne solo alcuni, sapendo che gli altri, aspettando anc Come parlare di migranti parlando di persone, dando loro la dignit che spetta ad ogni essere umano.gente che non prende un taxi per arrivare in Europa Davide Enia ce la fa, senza mai scadere nella retorica o nella melassa racconta cosa ha visto chi li ha salvati, o ha dovuto accettare di raccogliere cadaveri Di donne Di bambini Che li ha sepolti senza sapere il loro nome Una mattanza senza fine Che fai quando sei in acqua e puoi salvarne solo alcuni, sapendo che gli altri, aspettando ancora, moriranno Come fai a dormire dopo Gente che rischia la vita, prima in patria, poi per traversare la sabbia, quindi nelle prigioni libiche E poi il passaggio dell acqua Il grande rischio La vita in palio., mi ha raccontato l altra sera uno di loro Enia ha dipanato con sapienza questa epopea collettiva, ma anche il naufragio individuale, personale, che si cela dietro alla perdita di un affetto E l ha fatto con una lingua poetica, scarna ma efficace Bravo.Devo riuscire a trovare qualcos altro di lui

  6. Divara says:

    Probabilmente alcuni libri sono necessari a chi li scrive e altrettanto necessari a chi li legge Questo un libro che ci porta davanti ad approdi e naufragi privati e ad altri gridati inutilmente da troppo tempo con straordinaria delicatezza e umanit Il momento polpo quando una storia, se vuole, ti viene incontro e non c bisogno di trafiggerla o di scagliarcisi contro necessario starle vicino, quello s , aspettarne i tempi ed essere pronti ad accoglierla con ogni fibra di se stessi.

  7. Marco Croella says:

    Ho finito di leggerlo senza occhiali perch non facevo a tempo ad asciugare le lacrime che altre scendevano senza sosta Un libro toccante come pochi nella mia vita La prosa scivola via leggera mentre le storie che racconta e che si intrecciano atterrano pesanti e ti rimangono sul cuore.

  8. Giulia Devani says:

    Da leggere per nutrire l anima La Storia umana che s incrocia con quella personale.

  9. Atticus_jem_scout Angela says:

    Non esiste un modo facile o giusto per raccontare di Lampedusa e dei vari significati che quell isola ha assunto nel corso degli anni Ne ho sentite tante di parole buttate al vento frutto sia di demagogia che di populismo Io che mi occupo di immigrazione e integrazione, ho sempre avuto paura di leggere libri che ne trattassero in modo diverso rispetto all approccio sociologico e di geopolitica, perch le storie di coloro che arrivano a Milano e cercano aiuto le ascolto dal vivo e non hanno b Non esiste un modo facile o giusto per raccontare di Lampedusa e dei vari significati che quell isola ha assunto nel corso degli anni Ne ho sentite tante di parole buttate al vento frutto sia di demagogia che di populismo Io che mi occupo di immigrazione e integrazione, ho sempre avuto paura di leggere libri che ne trattassero in modo diverso rispetto all approccio sociologico e di geopolitica, perch le storie di coloro che arrivano a Milano e cercano aiuto le ascolto dal vivo e non hanno bisogno di contorni Eppure Enia ha fatto qualcosa di unico, riuscendo a raccontare le vicende di un isola e della sua gente con un ottica prettamente personale, un ottica di chi assiste all arrivo dei superstiti dell ennesimo naufragio e ne rimane umanamente segnato c il racconto della tristezza e spossatezza degli operatori di stanza sull isola, il racconto dei cittadini abbandonati dallo Stato rispetto alle richieste di un normale comune in difficolt , il racconto di un mondo che vive sotto i riflettori solo quando la tragedia chiama C la storia di un padre e di un figlio, di un zio molto amato, la storia dell essere siciliani, pescatori La storia dell umanit

  10. Simone Wallnöfer says:

    Vorrei che tutti leggessero questo libro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *